Ora sei qui >> Libro degli Ospiti
Libro degli Ospiti
Il Libro degli Ospiti è una sorta di diario on-line che ha lo scopo di raccogliere pensieri, dediche, o anche semplici saluti, che gli utenti di Oltris.it hanno voluto regalarci.

E' sufficiente cliccare su "Lascia un messaggio" per lasciarci un ricordo del tuo passaggio in Oltris.it, e contribuire a mantenere vivo questo sito web!


Messaggi presenti: 671 - Pagina 2 di 135
   Messaggio inviato il 03/06/2019 alle ore 10:26:21
Domani si va in Uzbekistan, per chi non lo sa è il paese più ricco di storia di tutte le Repubbliche dell’Asia centrale. Difatti ha sul suo territorio le più antiche città del mondo Tashkent il mio punto d’arrivo, Samarcanda, Bukhara, Khiva e Namangan il mio punto di lavoro.

Girare il mondo grazie al lavoro e conoscere sempre nuovi paesi.
Peccato che non ho mai tempo per fare un approfondimento turistico. Appena deciderò di fermarmi sicuramente scriverò un libro con tutti gli aneddoti, le avventure che ho avuto e illustrerò quello che i miei occhi hanno visto compreso le persone che ho avuto fortuna di conoscere .

Mandi. Vi manderò un saluto, se riesco a connettermi.

Giovannino Bearzi
   Messaggio inviato il 10/05/2019 alle ore 12:17:03
6° RALLY VALLI DELLA CARNIA – 13/14 LUGLIO 2019
Organizzatori già al lavoro per la sfida ruggente che fa brillare Ampezzo

Ci sono posti dove i rally si sentono a casa: porte aperte, pacche sulle spalle, baci e abbracci, nemmeno gli anziani che si lamentano per la “musica” (leggi il “rombo delle auto”, ndr) ad alto volume. Difficile spiegare perché questo succeda ad Ampezzo, una delle capitali della Carnia che si porta dietro l’etichetta scomoda di “gente dura”. Forse proprio il Rally Valli della Carnia dimostra quanto sia fallace una specie d’immaginario collettivo che vuole i montanari chiusi e scontrosi, dato che invece il paese si addobba a festa e fa baldoria per due giorni in compagnia di derapate e controsterzo, chiamando a sé frotte di appassionati e curiosi. LA RIPARTENZA.Una cena ha rinserrato i ranghi di Carnia Pistons e North East Ideas per rimettere in moto la macchina organizzativa guidata da Matteo Bearzi: “L’anno scorso abbiamo ottenuto il record di iscritti, oltre cento, e il plauso della Federazione per lo svolgimento della corsa. Adesso è venuto il momento di ricominciare, consapevoli che per la sesta edizione dovremo migliorare e alzare ancora l’asticella di qualità e rendimento”. DOPPIA “VOLTOIS”.Visto il gradimento di pubblico e concorrenti, la prova speciale di 2,40 km dalla piazza di Ampezzo all’abitato di Voltois verrà riproposta sabato 13 luglio nella doppia versione, diurna e notturna. Un guizzo tra le case e nei tornanti in saliscendi, ripreso dalle telecamere e proiettato su maxischermo, amplificando le emozioni per gli spettatori. “PURA” POTENZA.Doppia anche la razione di “Passo Pura”, la speciale di 13,50 km tra i monti Nauleni e Tinisuta, sulla strada di collegamento tra Sauris e Ampezzo con valico all’altezza del rifugio Tita Piaz (quota 1417 m). E’ questo il crono che di solito marca i distacchi più netti tra le vetture delle diverse categorie di preparazione. Domenica 14 luglio ci saranno 3 prove da ripetere 2 volte, con novità di scelte in attesa della conferma ufficiale. ALPE ADRIA.Il Carnia 2019 avrà validità Acisport (coefficiente 1,5) per la Coppa Rally di Quarta Zona, che comprende gare friulane, veneziane e bellunesi. Sarà inoltre uno dei sette appuntamenti dell’Alpe Adria Rally Cup, che prevede due tappe in Italia (l’altra è il Città di Scorzè), una in Slovenia e in Ungheria, tre in Austria. Logico quindi attendersi, come l’anno scorso, la partecipazione di diversi equipaggi d’oltre confine, in grado di aumentare il livello del confronto agonistico.

Utente anonimo
   Messaggio inviato il 07/05/2019 alle ore 15:52:40
Sabato 4 e domenica 5 da dimenticare, Oltris tutta coperta di neve . Ormai la perturbazione è passata e restano solo i residui dell’ondata di freddo eccezionale che ha riportato piene condizioni d’inverno in maggio. Si tratta di un’ondata artica che ricorderemo molto a lungo, una delle più tardive ed intense degli ultimi decenni. A memoria più o meno trentanni fa la neve sopra Oltris stesso periodo mai come adesso. Speriamo bene per le piante con i frutti. Per finire stamattina una bella brina. Ma stagioni ormai non esistono , da quattro siamo passati a……

Utente anonimo
   Messaggio inviato il 06/05/2019 alle ore 16:43:10
Per non dimenticare.

Se pur passati ormai tanti anni 43, il ricordo la paura ti rimane dentro la mente ed il cuore per tutti quei morti.

La sera del 6 maggio 1976 quando poco dopo le 21 in Friuli la terra tremò e in pochi secondi tutto venne giù. Solo al mattino successivo si compresero le proporzioni della devastazione, tra case crollate e morti.
L’Orcolat – in dialetto friulano “orco”, sinonimo di terremoto– si era risvegliato. La stretta della solidarietà non tardo ad arrivare, subito centinaia di giovani friulani raggiunsero i luoghi colpiti dal sisma insieme alle squadre coordinate dai sindaci, dai Vigili del fuoco e dagli alpini della Julia, dai tedeschi e Austriaci.
Nei paesi più colpiti dalle scosse furono salvate vite umane, grazie al lavoro di tanti volontari. Il giorno dopo arrivò Giuseppe Zamberletti, nominato commissario straordinario dal presidente del Consiglio Aldo Moro. Sul campo giacevano quasi mille morti, un terzo della regione devastata. Ma da quella devastazione nacque un modello di ricostruzione.
“Il 6 maggio è ogni anno occasione per mantenere vivo il ricordo dei luttuosi eventi che colpirono il Friuli nel 1976, ma anche per celebrare la dignità, il cuore e il coraggio di un popolo che, da quelle macerie, ha saputo risollevarsi con le proprie forze. Un insegnamento che dobbiamo conservare quale patrimonio dell’intera comunità regionale “.

Utente anonimo
   Messaggio inviato il 24/03/2019 alle ore 21:05:52
Una parte del mio cuore di bambina e di adolescente è ancora qui, in questo paese appoggiato sui prati profumati, affacciato al sole , fermo nel tempo come ad aspettare sempre qualcuno.. non lo so se sono i ricordi o la nostalgia, ma io qui mi sento profondamente a casa..

Linda

Vai a Pagina:
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32] [33] [34] [35] [36] [37] [38] [39] [40] [41] [42] [43] [44] [45] [46] [47] [48] [49] [50] [51] [52] [53] [54] [55] [56] [57] [58] [59] [60] [61] [62] [63] [64] [65] [66] [67] [68] [69] [70] [71] [72] [73] [74] [75] [76] [77] [78] [79] [80] [81] [82] [83] [84] [85] [86] [87] [88] [89] [90] [91] [92] [93] [94] [95] [96] [97] [98] [99] [100] [101] [102] [103] [104] [105] [106] [107] [108] [109] [110] [111] [112] [113] [114] [115] [116] [117] [118] [119] [120] [121] [122] [123] [124] [125] [126] [127] [128] [129] [130] [131] [132] [133] [134] [135]

PREVISIONI METEO
Vedi previsioni DETTAGLIATE
METEO NELLE PROSSIME ORE

Vedi previsioni DETTAGLIATE

(fonte: ilMeteo.it)
           

         
Sito web progettato, sviluppato e gestito da BZ Consulting S.r.l.