Ora sei qui >> Libro degli Ospiti
Libro degli Ospiti
Il Libro degli Ospiti è una sorta di diario on-line che ha lo scopo di raccogliere pensieri, dediche, o anche semplici saluti, che gli utenti di Oltris.it hanno voluto regalarci.

E' sufficiente cliccare su "Lascia un messaggio" per lasciarci un ricordo del tuo passaggio in Oltris.it, e contribuire a mantenere vivo questo sito web!


Messaggi presenti: 629 - Pagina 83 di 126
   Messaggio inviato il 06/05/2011 alle ore 14:54:54
Riflessione
Cari amici è importante che il sito di Oltris viva e venga alimentato con pensieri racconti,poesie ecc.,
Il libro degli ospiti è lo spazio dedicato a tutti coloro che amano scrivere per dar vita alle proprie fantasie, ai propri sogni, ai propri sentimenti, ai propri pensieri, e questo vuol dire comunicare con tutti.
Un luogo dedicato a tutte le persone che vogliono comunicare, per far sentire la propria voce.
Quello che scrivi viene condiviso con tante persone che come te amano affidare alla parola scritta il frutto del proprio pensiero anche agl’altri.

Utente anonimo
   Messaggio inviato il 22/04/2011 alle ore 10:53:33
Emigrati verso l’Europa, verso l’illusione della LIBERTA’,

sono appena rientrato dai miei viaggi all’estero quindi documentato dai vari giornali che ho letto in giro sia nel mondo arabo , indiano,cinese,russo ed europeo. Quando uno ha queste opportunità di leggere o vedere le Tv può fare le riflessioni e dire la sua in merito alla forte emigrazione che l’Italia è soggetta a subire.
In Europa siamo rimasti soli noi ed il popolo di Malta ad accogliere questa povera gente illusa di trovare finalmente la liberta. Le nazioni Europee a stragrande maggioranza non considera questi immigrati a essere protetti e a trovare una sistemazione. L’Europa dice all’Italia: teneteveli perché non sono persone che ci interessano, teneteli perché potete e rimandateli indietro secondo leggi senza sognarvi di scaricarli in Francia o Germania con l’invenzione dei permessi temporanei elevati a passaporto europeo. E adesso che facciamo ……….., che decideranno i nostri governanti a Roma ?Questo è un grosso problema ancora una volta l’Europa si è dimostrata debole e ancora di più non ha saputo reagire in sintonia tra gli stati. L’Europa allargata sta scricchiolando se incapace di trovare una soluzione ai profughi siamo veramente messi male, e poi si fanno convegni a Ginevra , Parigi, Roma con tanto di solidarietà verso i poveri, verso le guerre e i risultati sono questi…..
Nessuna opinione pubblica europea vuole gli immigrati e sempre punisce il rispettivo governo che fosse di manica larga nell’accoglierli questa purtroppo è la vera realtà.
Questa è una grande debolezza dell’ Europa e adesso se trema, si agita e sgomita per non aver saputo gestire il problema. Ma l’Europa, in particolare Germania e Francia, hanno peccato alla grande di avarizia politica e di governo. Non si incrina una unione continentale per ventimila immigrati e neanche per cinquantamila, ci vuole più buon senso e dimostrare più credibilità verso chi ha bisogno di aiuto .
Finalmente l’Italia si è dimostrata seria e coerente, l’Europa doveva per lungimiranza e per istinto di sopravvivenza offrire di meglio e di più all’Italia .
Queste cose si pagheranno con il tempo comunque chi ci rimette è la povera gente che continua l’illusione della liberta e del lavoro sbarcando sulle nostre coste.

Auguri di Buona Pasqua a voi tutti cari lettori e alle vostre famiglie e a questa povera gente che rischia la morte con l’illusione della libertà auguro un futuro migliore.

Giovannino Bearzi
   Messaggio inviato il 07/04/2011 alle ore 17:33:39
Nel mondo deve regnare la pace,

fra 15 giorni è Pasqua , e continuiamo a vedere focolai di guerra ovunque.
Vi è mai capitato di chiedervi se l’impegno per i diritti umani, per la giustizia sociale, per l’ambiente, per un mondo più giusto sia solo utopia o possa ottenere risultati tangibili? Secondo me questo è possibile. Ogni giorno, in ogni paese, nascano organizzazioni impegnate nella difesa della giustizia sociale e delle sostenibilità ecologica. Queste organizzazioni molte volte sono talmente piccole da non fare notizia: i media tradizionali le trascurano, il potere politico spesso le ignora o cerca di intralciare e sminuire la loro attività. Queste organizzazioni le paragonerei al sistema immunitario del corpo umano: sono la risposta immunitaria dell’umanità, che si attiva contro le minacce portate all’integrità della terra e dei popoli. Sono innumerevoli, in tutto il mondo. Si occupano di gestione e difesa di quel bene prezioso che è l’acqua, di biodiversità, di diritti dei lavoratori e dell’infanzia, del diritto democratico , di sviluppo sostenibile, di lotta ai cambiamenti climatici, di tutela dei patrimoni linguistici e culturali.
Questo movimento è rivoluzionario e nuovo perché non ha capi o ideologie, né può essere rinchiuso e costretto in qualsiasi schema. Le singole organizzazioni però, anche grazie alle nuove tecnologie, iniziano a essere in contatto tra di loro e a interagire costruttivamente.
Questo è importante, curare le ferite del mondo e dei suoi abitanti non richiede santità o un partito politico, ma solo buon senso e perseveranza. Non si tratta di una attività di destra o di sinistra ma bensì si tratta di un atto sacro”.
La pace nel mondo: si dice che sia un obiettivo da raggiungere in 20 anni,
Quante volte vi sei chiesti cosa puoi fare, in prima persona ognuno di noi, per la pace nel mondo, per poi concludere sconsolatamente di avere un raggio d’azione ben ristretto. Ecco è importante parlare di questo con gli amici con le persone che incontri , il concetto di pace nel mondo si tratta di un obiettivo difficile, ma di una meta possibile.
Per questo motivo è fondamentale per la pace credere ed operare : nell’ ottimismo, nell’empatia, nella tolleranza, nel dialogo tra le culture e nella convinzione che la pace sia possibile e diventi un obiettivo più vicino, più realistico, perché sempre più persone inizieranno ad agire in modo diverso.
Cari lettori , ognuno di noi può fare qualcosa per la pace, diffondendo ottimismo, tolleranza, cultura. Si può fare sul web scrivendo e diffondendo messaggi di pace perché è più veloce, ma se lo facciamo nella vita reale a voce vale lo stesso…

Giovannino Bearzi
   Messaggio inviato il 05/04/2011 alle ore 13:06:14
Incidente nucleare in Giappone
La terra in Giappone trema talmente così violentemente, così intensamente, da provocare tsunami, distruzioni di dighe, di borghi e tante vittime, migliaia e migliaia. E se un terremoto così potente ed esplosivo accadeva in Italia? Probabilmente avremmo visto un'ecatombe di immane proporzioni.

Ma i giapponesi nella loro consapevolezza di vivere in un luogo a dir poco ballerino, hanno costruito ed edificato con criteri avanzatissimi le varie strutture pubbliche e private che ospitano la ordinaria vita delle persone.

Ora l'attenzione mondiale cade, non è più sul terremoto / tsunami, come è ovvio che sia, ma bensi tutti parlano sulle centrali nucleari.

Io vorrei un po’ tornare in dietro nel tempo e riassumendo che in Giappone nel corso della storia, è stato caratterizzato da tantissimi incidenti nucleari, molti dei quali sconosciuti alla collettività.
Le conseguenze verranno nel tempo.
Qui di seguito alcuni dati:

Nel 16 luglio 2007, a Kashiwazaki, la centrale nucleare di Kashiwazaki-Kariwa, la più grande del mondo, viene chiusa in seguito ai danneggiamenti provocati dal terremoto. Il terremoto provoca un grosso incendio nonché la fuoriuscita di 1.200 litri di acqua radioattiva che si riversano integralmente nel Mar del Giappone.

Maggio 2006, Mihama,incidente con fuga di 400 litri di acqua radioattiva.

Il 9 agosto 2004, Nel reattore numero 3 nell’impianto di Mihama, 350 chilometri a ovest di Tokyo, una fuoriuscita di vapore ad alta pressione, con una temperatura superiore ai 200 gradi, provoca la morte di quattro operai.

27 gennaio del 2000.Uno strano incidente ad una installazione per il riprocessamento dell’uranio, in Giappone, sempe il sicuro Giappone, provoca livelli di radiazione 15 volte superiori alla norma in un raggio di circa 1,2 miglia. Funzionari locali segnalano che almeno 21 persone sono state esposte alle radiazioni.

8 Ottobre 1999. Un deposito di scorie a Rokkasho, patisce fuoriuscita di radiazioni.

30 settembre 1999, Tokaimura. Errore umano, i tecnici stavano infatti trasportando, all’interno dell’edificio dove si tratta l’uranio, due barili di miscela di uranio-acido nitrico si sono miscelati e 15 tecnici hanno subito le radiazioni

12 Luglio 1999. Centrale Tsuruga, bloccato reattore per una perdita acqua.

Marzo 1997, Tokaimura. Un incendio e un’esplosione nel reattore nucleare nell’impianto di ritrattamento nucleare di Tokaimura contamina almeno 35 operai.

8 dicembre 1995, Monju.Due tonnellate di sodio liquido e altro materiale radioattivo fuoriescono dal reattore nucleare prototipo di Monju nella prefettura di Fukui.

Febbraio 1991, Mihama. La centrale riversa in mare 20 tonnellate di acqua altamente radioattiva.

Cari lettori quindi la storia si ripete.
Ma l'uomo insiste nel nucleare, come giustamente secondo me deve essere, visto che non abbiamo altre alternative a produrre energia . e tutti pretendono di avere l e nessuno rinuncia a questo benefit.
Secondo me , anche se non sono esperto, dobbiamo organizzarci ed avere il massimo dei controlli , prevedendo il minimo rischio.
Va messo in previsione che anche la natura ogni tanto si ribella, anche con violenza, provoca morti e distruzione, riconquista il suo spazio, si muove tremando, e l'uomo deve capire che altra soluzione non esiste, se vivere vuole, quale quella di dover necessariamente armonizzare le proprie esigenze vitali con quelle di madre natura, senza abusare della sua non infinita pazienza.
Dite anche la vostra su cosa pensate del nucleare.
grazie per l'attenzione

Giovannino Bearzi
   Messaggio inviato il 04/04/2011 alle ore 16:26:17
E’ nata Nostra nipote Sofia.
Era la notte dell' 1 aprile, quando mi ha mandato la tua foto papa ,con dedica"ciao nonno sono Sofia" sei bellissima , anche se lontano mi trovavo in Marocco a Casablanca ho pianto di gioia.
Non ho più dormito , cercavo di immaginarti e piangevo, piangevo soltanto non vedendo l’ora di abbracciarti.
Sei appena nata: vedere il tuo faccino così sereno con tanti capelli è la cosa più gioiosa della mia vita, conserverò la foto nel telefonino e quando potrai capire te la farò vedere.
Ora sono tornato ho visto la gioia immensa nei tuoi genitori Erica e Matteo e quella di nonna era incontenibile. Da tre giorni ci hai fatto involontariamente entrare nella categoria dei Nonni. La qualifica non ci turba più di tanto, anche se ancora non rispondiamo quando qualcuno ci chiama così. Del resto i nonni dovrebbero essere sinonimo di saggezza e quindi accettiamo la qualifica, ma la interpretiamo a modo nostro.
Piccola Sofia, avremmo molte cose da dire e vorremmo insegnarti tutto, per non vederti soffrire un giorno, ma per ora possiamo solo pregare per te e chiedere al tuo angelo che ti stia accanto in ogni momento e che la tua vita sia piena di gioia e di amore.

Giovannino Bearzi

Vai a Pagina:
[1] [2] [3] [4] [5] [6] [7] [8] [9] [10] [11] [12] [13] [14] [15] [16] [17] [18] [19] [20] [21] [22] [23] [24] [25] [26] [27] [28] [29] [30] [31] [32] [33] [34] [35] [36] [37] [38] [39] [40] [41] [42] [43] [44] [45] [46] [47] [48] [49] [50] [51] [52] [53] [54] [55] [56] [57] [58] [59] [60] [61] [62] [63] [64] [65] [66] [67] [68] [69] [70] [71] [72] [73] [74] [75] [76] [77] [78] [79] [80] [81] [82] [83] [84] [85] [86] [87] [88] [89] [90] [91] [92] [93] [94] [95] [96] [97] [98] [99] [100] [101] [102] [103] [104] [105] [106] [107] [108] [109] [110] [111] [112] [113] [114] [115] [116] [117] [118] [119] [120] [121] [122] [123] [124] [125] [126]

PREVISIONI METEO
Vedi previsioni DETTAGLIATE
METEO NELLE PROSSIME ORE

Vedi previsioni DETTAGLIATE

(fonte: ilMeteo.it)
           

         
Sito web progettato, sviluppato e gestito da BZ Consulting S.r.l.