Ora sei qui >> Poesie su Oltris
Poesie su Oltris
Alcune poesie su Oltris
» scritte dal poeta Tito Maniacco
» scritte dall'artista Ermes Burba
» scritte da vari autori

Poesie su Oltris scritte dal poeta Tito Maniacco


A Oltris, davanti a tanta bellezza e pace, l'anima si ricompone e, se lo permetti, si libra nell'etere, si avvicina all'Essenza.
Non è un caso che qui si siano espresse nel passato, e lo perpetuino tuttora, persone ricche di creatività artistica.
Non è un caso che questo borgo sia stato il luogo d'ispirazione di un coltissimo scrittore friulano, artista, storico e critico d'arte, recentemente scomparso: Tito Maniacco.

Una "straordinaria possessione" e la pubblicazione di un libro di poesie su Oltris sono il risultato dell'aver vissuto le estati 2006 e 2007 nel "cerchio magico" del paese. Il libro intitolato "Oltris", edito dal Circolo culturale Menocchio di Montereale Valcellina – Pordenone, racchiude struggenti liriche (in italiano e friulano "idioletto") da degustare lentamente per assaporare la varietà dei ritmi, la padronanza assoluta della parola, le suggestive metafore e la pregnanza di significato.

Quest'opera rappresenta un vero e proprio testamento spirituale dell'autore, in cui ognuno di noi può ritrovare riflessi delle proprie emozioni, meditazioni e immagini interiori; e solo un grande poeta, qual era Tito Maniacco, può generare questo carattere di universalità.
I testi sono accompagnati da incisivi dipinti realizzati da T. Maniacco con acquerelli, inchiostro, caffé matite, che raffigurano scorci del paesaggio di Oltris. Il libro, in ristampa, verrà accompagnato da un DVD, realizzato da Leonardo Modonutto, con poetiche immagini del luogo e letture di alcune poesie.

Accade sovente che Scrittori con le loro opere rivelino significati profondi della natura e della vita, anticipando paradigmi-visioni, che educano i lettori alla osservazione ed alla riflessione secondo nuovi punti di vista.

Eccovi di seguito alcune poesie di Tito Maniacco contenute nel libro "Oltris":

Dondolano I

Dondolano i fagioli
i loro tigrati involucri
sarchi
strappi le erbacce
tagli le lunghe orecchie del radicchio
là è la cipolla
e sull'angolo fra tanto verde
le pompose ortensie
e qui lungo il muretto di pietre
la nuvola delle belle di notte

per l'inverno
sfrigola la piccola sega
spargendo bionda segatura
e la legna segue il suo severo e profumato
ordine architettonico
e le mele secche riposano
trasalendo di profumo nel canestro
e le bottiglie di sidro
senza etichetta
che han spremuto a Verzegnis stanno nel buio
ottantun bottiglie da tre quarti
per settanta chili

Oltris

Oltris
    disse san Cristoforo
mentre guadava l'impetuoso Lumiei
che gli antichi chiamavano "fra i bianchi monti"
Oltris
    disse san Cristoforo
al Bambin Gesù che portava sulle spalle
Oltris
è il più bel paese del mondo
disse
san Cristoforo al Bambin Gesù
ripeti
e il Bambin Gesù gridò con voce squillante
Oltris è il più bel paese del mondo
disse san Cristoforo
Oltris al è il plui biel paîs dal mont
ripeti
e il Bambin Gesù gridò con voce squillante
Oltris
al è il plui biel paîs dal mont


No tu sês

No tu sês plui un omp di mont
la vacje l'an vendude
par vie des vacjs europeanis
il purcìt lu à vindût to pari
e tô mari
    che veve disesiet gjalinis
        un gjal cun la creste garibaldine
e qualchi cunìn
a è muarte
e dal cimiteri di Dimpéç
e cjale di là des fumatis dal Lumiei
    tô mari e cjale
e cjale tô mari il paîs di Oltris
rimpinât sôt lis tre Sisilis
ad annunciare l'arrivo

tu
tu fasis l'idraulic a Milan
ma ogni volte che d'avost
tu tornis a Oltris
tu
tu ti impensis di dut
e sarà l'aghe
la prime de fontane
a tornâ a batiâti
a sarà l'aghe di Oltris
    l'aghe la plui buine dal mont
chissà mai
ma to fi
come se tu fossis mat
e al rît di te
sglonf d'ignorance

e dopo di te
quant tu sarâs min haadamà
polvar de tiare
nessun di nessun
al savarà tajâ i lens cun la see a man
che muard e cjante fra la seadizze
la see di to nono marangon d'unviêr
a metiu in tacje
secont l'ordin da l'equilibri
e di vê il massim dai lens intun lûc
    venastai
il massim da l'ordin cul massim da l'elegance
e secont l'ordin de nature
che l'agnul di diu
al ti veve segnât in front
prime dal predi

Fra poco

Fra poco
qui
a Oltris
tintinnerà
il rosso autunno

le mele cadranno
i fagioli non raccolti
scoppieranno
e le pannocchie
frusceranno fuori dalle seriche custodie

sarà più freddo
il vento della sera
ad annunciare l'arrivo
della prima neve

quattro metri
segna una casa
millenovecentonove
così
dirai all'osteria
le stagioni
non sono più
chês di une volte


Poesie su Oltris scritte dall'artista Ermes Burba | Torna ad inizio pagina

Ermes Burba (01/02/1920 – 19/10/1996) era una persona con notevoli doti artistiche, amava la cultura, le tradizioni ed i valori. Abile intagliatore, pittore e poeta. E' stato per ben 19 anni presidente dell'Associazione Nazionale Alpini di Ampezzo.

Dal commento intitolato "Ricordando di un Artista" scritto sul Libro degli ospiti di Oltris.it da Giovannino Bearzi:
Con che straordinaria arte Ermes Burba intagliava il legno per creare Crocifissi o Madonne o quant'altro, il legno lavorato da lui parlava e tuttora è forma espressiva della figura creata. Questo straordinario artista di Oltris purtroppo non viene ricordato, per il suo merito, per la sua dedizione al paese, per la sua creatività però lui ha lasciato ai posteri delle opere molto significative e straordinarie anche se alle volte non sono firmate . Le sue opere si possono ammirare nei crocevia o nelle cappelle votive ristrutturate dagli Alpini e spesso il viandante a piedi si sofferma ad ammirare l'opera ma anche a meditare e a dire sottovoce una preghiera. Aveva gusto artistico fuori dal comune, usava i materiali dei nostri boschi pini e larici tagliati al momento giusto alle volte anche i sassi del Lumiei venivano usati per costruire le sue opere. Come non ricordare un personaggio così importante della comunità dei "codons" le sue poesie e i suoi racconti sono tuttora validi e significativi anche perchè lui utilizzava e scriveva in lingua friulana.
Mi ricorderò sempre quando quarant'anni fa mi ha restaurato l'immagine divina dipinta sul muro di casa mia, ha ridato vita ed espressione a figure angeliche ormai distrutte dalle intemperie e dal tempo, ha cancellato la scritta posta sotto le figure dove si diceva "nessuno passerà per questa via se prima non dice una Ave Maria", lui mi diceva uno che vede queste immagini è il cuore che fa dire la preghiera senza doverlo imporre leggendo. ...


Eccovi di seguito alcune poesie di Ermes Burba su Oltris:

Dialogo fra Sants

SAN JACUM DI DÔTRI       SAN ROC DI VOLTOIS

Dôtris e Voltois
da secui in barufa
par via di cers dirìs
ch àn tala Riuta.
A si pisclavin simpri
In ogni ocasion
par vê la paronancia
di lì fin in Deron.
Ogni un dai doi paîs
al pensa al'è miôr
par podê fâ la pâs'
clamâ in causa il protetôr.
San Jacum chi di Dôtris
San Roc chei di Voltois
che cun il lôr podê
ju salvin dalis nois.
Si incontrin i doi sants
e chest al è ben clâr
propri tal biel miéc'
dal riu d'Avâr.
A li a ti discutin
pal tuart o la resòn
intant a si anima
una certa dicussiòn.
San Roc al dîs a Jacum
sta atent e va belplan
no sta alciâ la vôs
se nò ti ùci il cjan.
Al rispuint san Jacum
sint mo fradi Roc
no stin a fâ barufa
plui tost bevin un got.
Ma jò al dîs san Roc
I ai ben trê campani
ca slargin la lôr vôs
par plans e par montagnis.
Dacordo al dîs san Jacum
ma viôt di lâ belplan,
jo i suni a eletric
e tu incjmò a man.
I miei codòns di Dôtris
a son prons in ogni istant
a onorâ san Jacum
cal'è il lôr miôr sant.
A àn fatuna biela baita
cun dut il lô ingegn
come una vera cjasa
sôl ca è fata in len,
e cuant ca ven la sâgra
fra musichïs e cjans,
lajù si dan cunvigna
doltras e vilegians.
I mie al dîs sa Roc
come il solit biel cidins
mi àn traspuartât di fuarcia
sui plans di Marculins,
mi àn preparât di dut
l'orchestra il breâr,
una granda luminaria
mi àn fat encja l'altâr
par podê dî la messa
e sodisfâ la fiesta
ringrasiant san Roc
ca ju à salvâs da pesta.
Cussì in nestris sants
a àn dit a vâl la pena
a fâ dut un biel plan
da Corvis in Cjadalegna
in mût che duc' insiema
i podin ben fiestejâ
la pâs ristabilida
fra dôs comunitâs.

San Jacum
Sagra a Dotris

Il vincjacinc di lui
sul colm dal biel estat,
il paisut di Dotris
al è dut indafarat.

San Jacum cusi dit
a è sagra tal pais,
podeis imagjnavi
ce cranc' preparatifs.

Lis feminis la vea
a lavin par fa biel,
la taula la cjadrea
il bredul e il sgabel.

Cui russa la panaria
cui grata la padiela,
un altri al dà di blanc
par fa la cjasa biela.

Cui neta la frasoria
cui sbat il cjavedal,
un'altra puntigliosa
a lustra l'urinal.

Passant pa lis contradis
si nasa odor di bon,
di fritulis e sopis
di crustui e paneton.

A rivin sula placia
chei siors dala verdura,
gjelatos e fuiacia
bagigis e fritura.

Ce rassa di comercio
al è dut un viavai,
se a va indenant cussì
si metarà il tranvai.

La int a è duta in gringula
su e jù pa la sitat,
a cjantin lis cjampanis
pa la solenitat.

La Messa cu' la predicja
il jespui ben cjantat,
il monsignor e il muini
a sòn l'autoritat.

A son garis di briscula
al è il pal dala cucagna,
che dala pastasuta
par cui ca la guadagna.

Il cine al aperto
i fucs artificiai
e la fiesta di bal
par fa cura i cai.

A son musichis nostranis
di armonica e liron,
al è Giuan cu' la so armonica
cun Vigi di Zenon.

Cussì la biela sagra
a riva miegia not,
e jù pa lis contradis
al resta qualchi cjòc.

da "PINSIRS SCRITS CU LA MATITA"
Ermes Di Dotris - Ottobre 1994


Ricuart di doi fradis di Dôtris

Massimo e Mina

Tantis ca si passin tala vita
tanta int che i ài conossût,
da che plui istruida ala plui buina
int a voltis fata al so mût.

Ricuardi doi personajos rârs
fradi e sûr nassûs tal gnò paijs',
a erin ben un pôc particolârs
bons onesc' e ce ca si po dii.

Massimo e Mina, una vita di sûdor
di miseria ma cun tanta dignitât,
a vivevin cul prodòt dal lor lavôr
cencia dipendi dala societât.

A vevin lôr a Dôtris il mulin
a masinavin la farina fina,
Massimo adeét al machinari
Sula contabilitât a era Mina.

Oltre a mulinârs e contadins
Mina a era encja sacrestana,
a tegni indret la glêsia duta neta
Massimo adét a sunâ la cjampana.

Ce impuartancia Mina chei rosaris
dìs cun tun latinôrum dut speciâl,
par chest tu às vût ce tanc? Onôrs
diplomis crôs' medais e atestâs.

E tu felice Mina di chei onôrs
rivâs encje da “Vatican”,
a ti curavin duc' i tiei dolôrs
cussì encja il miedi al stava lontan.

A ti àn fata encja “nobildonna”
to fradi cjampanâr specializât,
al resta un cjâr ricuart in tal paiis
di duta chesta vostra ativitât.

A àn resòn di dî: salut e morâl alt;
una vita vivuda alla buina
a erin la felicitât di doi fradis
MASSIMO e MINA.


Poesie su Oltris scritte da autori vari | Torna ad inizio pagina

Di seguito potete trovare altre poesie dedicate ad Oltris, scritte da vari autori.

Alla Chiesa di Oltris

Per la fine dei lavori di ristrutturazione
Autore Anonimo


Dell'antico borgo,
vetusto sacello,
ora insieme di questo
e quello
sei custode ed amato
ostello.

Tra quadri, stucchi,
ornati e santi,
quasi teoria d'infiniti
preghi e canti,
di bella fattura
il bianco altar si vanti.

Ara, mensa e pala
della Trinità richiama
il Padre, il Figlio
e de lo Spirito l'ala.

Ora, che ogni lavoro
S'è fatto,
non resta che prender
cura e atto
e degli antichi e nuovi
riti rinsaldare il patto.

San Jacum
(di Leda Bearzi)

Cui sa' ce che tu varàs pensât,
tu, San Jacum,
quant che i codóns
‘an smetût di sestegjati?
Cui sa' ce delusion
No viodiu plui
duc' insiema
prepararâ la baita...
cui sa' ce delusion
viodi che piciulis rôbis
a vevin ruvinât
l'armonia di un paîs intier.
Tu vevis pierdût la sperancia,
vera San Jacum?
Ma tu varèsis di conosciu, ormai,
i tiei protes...
a basta un piciul póc
e no iu ferma pui nuia!
...e cjaliu cumò,
anzi cjialisi!
Nô gjovins cui plui madûrs
e i anzians.
Duc' insiema, dismenteant
barufis, tuars e rancôrs di agns,
nomo par fâti la fiesta.
I ai di domandâti nome un plasei,
San Jacum...
cumò che di lasù tu si cjalis,
ridint e plen di orgoi,
tensi una man sul cjaf;
fâs che i tiei codóns
a rivin a tegni simpri il cûr
como in chest dis di festegjamens:
liber da chei tant brus sentimens
e plen di voia di perdonâ...
Parcé a è chesta
la vera natura di chei di dôtris.

PREVISIONI METEO
Vedi previsioni DETTAGLIATE
METEO NELLE PROSSIME ORE

Vedi previsioni DETTAGLIATE

(fonte: ilMeteo.it)
           

         
Sito web progettato, sviluppato e gestito da BZ Consulting S.r.l.